• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-silene-bianca   Nome scientifico: SILENE LATIFOLIA
  Nome comune: SILENE BIANCA
  Famiglia: Caryophyllaceae
  Fioritura: Maggio-Settembre
  Habitat: si trova ai bordi dei viottoli, delle strade e dei fossati, negli spazi incolti, dove i terreni sono ricchi di sostanze azotate. Fino a 2000 m. Spesso infesta campi e orti.


Descrizione

cdg-f-silene-bianca dis

Pianta perenne o biennale di aspetto erbaceo, che può raggiungere un metro di altezza, coi suoi fusti ramificati e pelosi.

Le foglie inferiori della pianta sono di forma ellittica-spatolata, lunghe circa 5-10 cm. Quelle lungo il fusto sono opposte e lanceolate. Tutte si presentano di color verde tenue e sono morbidamente vellutate.

Il calice, di forma tubolosa, rossastro e vellutato, porta un delicato fiore bianco, di 2-3 cm, con 5 petali profondamente lobati, con i sepali stretti e saldati tra loro alla base.

I fiori maschili e femminili s trovano su piante diverse. I maschili sono dotati di stami scuri, mentre i femminili hanno vistosi pistilli sporgenti.

I fiori si aprono la sera ed emanano un delicato profumo che attira le farfalle notturne impollinatrici. I numerosi semi, di colore grigiastro, sono contenuti in curiose capsule ovali, rigonfie, terminanti con dieci dentini ricurvi verso l’esterno.

Con le foglie della pianta, raccolte prima delle fioritura, si possono preparare insalate e frittate. In passato la Silene, faceva parte degli ingredienti tra le 27 erbe spontanee della famosa “Minestra di Gallicano” (Lu); un’antica ricetta povera tramandata dalla tradizione contadina.

Le radici, ricche di saponine, in passato venivano usate per il bucato. Il nome del genere Silene deriva dalla parola greca Sialon=saliva, per la sostanza appiccicosa emessa da alcune varietà di questa specie. Ma una leggenda mitologica ci racconta aver preso il suo nome da Sileno, amico di bevute di Bacco, che aveva una grande pancia rotonda rassomigliante a quella delle capsule del fiore.

L’epiteto “Latifolia” si riferisce al tipo delle sue foglie. Il nome specifico “Alba” che significa bianco, si riferisce invece al colore dei suoi petali, mentre con l’epiteto “Latifolia” si allude al tipo di foglie piuttosto ampio.

                    



  cdg-f-silene-bianca 002
  cdg-f-silene-bianca 003
  cdg-f-silene-bianca 004
  cdg-f-silene-bianca 005
  cdg-f-silene-bianca 006
  cdg-f-silene-bianca 007

Silene bianca -- Silene latifolia