• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-salcerella   Nome scientifico: LYTHRUM SALICARIA
  Nome comune: SALCERELLA
  Famiglia: Lythraceae
  Fioritura: Giugno-Settembre
  Habitat: si trova vicino alle sponde dei corsi d’acqua o di luoghi in prossimità di paludi e stagni. Su terreni poco acidi, fino a1600 m.


Descrizione

cdg-f-salcerella dis

Pianta perenne robusta, che produce folti ciuffi costituiti da fusti quadrangolari eretti, semilegnosi alla base, di color verde bruno, alti anche quasi 2 metri.

Le foglie basali sono cuoriformi e opposte, quelle lungo il fusto invece sono alterne lanceolate, prive di picciolo, di forma ellittica. L’intera pianta è ricoperta di sottile peluria, talvolta rossastra.

L’infiorescenza è una lunga vistosa spiga formata da numerosi fiori di un bel colore rosa violaceo, di grande effetto cromatico, quando in estate sembra accendere di colore le rive dei corsi d’acqua.

I fiori hanno un calice tubolare che termina in 12 denti, sei dei quali sono sottili e allungati, mentre gli altri 6, sono alternati agli altri, molto più corti di forma triangolare. La corolla ha 5/7 petali lanceolati, grandi circa 10mm, con numerosi stami.

In autunno la pianta produce molte capsule semilegnose oblunghe, al cui interno si trovano numerosi piccoli semi giallastri.

La Salcerella è una pianta commestibile officinale, utilizzata in tutti i tempi per le sue proprietà lenitive e antinfiammatorie del cavo orale. Nella moderna fitoterapia viene apprezzata come antibatterico, diuretico, astringente e antiemorragico. E’ utilizzata anche dalla medicina veterinaria.

Durante le due guerre mondiali, la pianta si adoperava con successo per combattere le epidemie di dissenteria e di tifo.

I suoi giovani germogli possono anche essere gustati in insalate miste, mentre in passato con le foglie essiccate si otteneva un surrogato del tè o macerate servivano per estrarre l’acquavite.

Veniva anche usata, per i suoi tannini, nella concia delle pelli.

 

Il suo nome proviene dal greco “Lythron=sangue”, poiché veniva ritenuta efficace anche contro le emorragie.

                    



  cdg f salcerella 002
  cdg f salcerella 003
  cdg-f-salcerella 004
  cdg-f-salcerella 005
   
   

Salcerella -- lythrum-salicaria