• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f tulipano australe 001   Nome scientifico: TULIPA AUSTRALIS
  Nome comune: TULIPANO AUSTRALE, TULIPANO SELVATICO
  Famiglia: Liliaceae
  Fioritura: Aprile-Giugno
  Habitat: prati e pascoli soleggiati, suoli aridi pietrosi e serpentinosi. Da 300 a 1800 m. Non è presente in Friuli, Veneto, Puglia, Campania, Molise, Calabria, Sardegna.


Descrizione

cdg-f-tulipano-australe dis

Pianta erbacea perenne di alto valore estetico, piuttosto rara nella sua distribuzione sul territorio italiano.

Il suo bulbo piriforme, rivestito di tuniche membranose brunastre, ogni anno emette le foglie e uno scapo cilindrico piuttosto gracile e flessuoso alto fino a 30 cm, che di solito porta un solo fiore.

Le foglie (lunghe 20-25 cm) hanno forma ellittica lineare, con margine liscio. Sono di color verde grigiastro glauco,  con evidente scanalatura centrale. Lungo lo stelo, generalmente ci sono due foglie, di dimensioni ridotte, inserite circa a metà.

Il vistoso fiore ha una forma campanulata e si presenta reclinato finché è in boccio, per aprirsi totalmente a stella, mostrando il caratteristico colore giallo uovo dei sepali, degli stami e dei filamenti. E’ formato da 6 tepali, di cui 3 più esterni di forma ellittica-acuta lunghi fino a 6 cm, soffusamente sfumati di rossastro al di fuori. I 3 più interni sono ellittici-oblanceolati e appaiono leggermente più grandi.

Il frutto è una capsula piuttosto lucida, più lunga che larga, internamente divisa in tre settori che contengono numerosi semini piatti.

Anticamente i bulbi della pianta venivano utilizzati nei periodi di carestia per ricavarne farina.

Riguardo all’etimologia della parola Tulipa, si ipotizza che possa provenire dal persiano Tolipan o Tulbent, in riferimento alla forma del fiore in boccio che ricorda un turbante. L’epiteto latino Australis, col significato di meridionale, si riferisce all’area Sud del Continente Europeo, dove la pianta è maggiormente presente.

Per la sua rarità anche nelle stesse zone di distribuzione, è stata iscritta nella lista rossa delle specie protette.

Fotografata nelle serpentiniti del Puntone di Farneta.

 cdg f tulipano australe 005

  cdg f tulipano australe 002
  cdg-f-tulipano-australe 003
  cdg f tulipano australe 004
  cdg f tulipano australe 006
   

Tulipano australe - Tulipano selvatico -- Tulipa australis