• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-vincetossico   Nome scientifico: VINCETOXICUM HIRUNDINARIA
  Nome comune: VINCETOSSICO
  Famiglia: Apocynaceae (Asclepiadaceae)
  Fioritura: Maggio-Agosto
  Habitat: bordi e radure boschive, zone ghiaiose, prati rocciosi, con suoli calcarei moderatamente secchi e caldi. Fino a 1600 m. Assente in Sicilia.


Descrizione

cdg-f-vincetossico dis

Pianta perenne che raggiunge anche 1 m di altezza, con lunghi rizomi striscianti dall’odore sgradevole.

I fusti sono eretti, talvolta ascendenti senza ramificazioni, lignificati alla base, ricoperti di peluria disposta su 2 file.

Le foglie portate da un breve picciolo di circa 1 cm, sono quasi sempre opposte, raramente su verticilli di 3. La lamina fogliare lunga 5/9 cm, ha forma lanceolata ellittica con apice acuminato; di color verde scuro nella parte superiore, più chiare e reticolate in quella inferiore, con leggera peluria sulle nervature.

I fiori, su brevi peduncoli di 5/6 mm, sono raccolti in cime corimbose all’ascella delle foglie. Il calice presenta 5 dentini lineari, con corolla di circa 8mm, con 5 lobi ovati, color bianco crema. Al centro sono presenti 5 piccole fenditure in cui vi possono rimanere incastrati gli insetti più piccoli, che liberandosi, staccano la massa pollinica, assicurando così l’impollinazione.

Il frutto è un follicolo fusiforme di 4/6 cm di lunghezza contenente numerosi semi appiattiti e scuri, con pappo piumoso di peli lucidi e setosi.

Il Vincetossico è una pianta officinale tossica, nei suoi semi è presente un principio cardiologicamente attivo. In passato era usata per le sue proprietà depurative, diuretiche , antireumatiche e soprattutto era ritenuta un antidoto contro il morso dei serpenti, anche se i glucosidi e gli alcaloidi che contiene possono provocare convulsioni e paralisi.

I suoi steli, in antichità venivano utilizzati per ricavarne lunghe e robuste fibre.

Il suo nome deriva dalle parole latine ‘Vincere e toxicum’, poiché si riteneva che la pianta fosse efficace contro gli avvelenamenti e la peste. L’epiteto ‘hirundinaria’ allude invece alle sue radici che ricordano la forma della coda di una rondine.

                    



  cdg-f-vincetossico 002
  cdg-f-vincetossico 003
  cdg-f-vincetossico 004
  cdg-f-vincetossico 005
  cdg-f-vincetossico 006
  cdg-f-vincetossico 007

Vincetoxicum hirundinaria -- Vincetossico