• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f viola mammola 001   Nome scientifico: VIOLA ODORATA
  Nome comune: VIOLA MAMMOLA
  Famiglia: Violaceae
  Fioritura: Febbraio-Aprile
  Habitat: Comune in tutto il territorio, si trova nei boschi, nelle siepi, nei luoghi erbosi e ai margini dei viottoli, da 0 a 1200m.


Descrizione

cdg-f-viola-mammola dis

Piccola pianta erbacea perenne commestibile, alta fino a 15 cm, con corto rizoma da cui si dipartono alcuni stoloni striscianti sul terreno che emettono altre radici e nuove piante.

Le foglie, tutte riunite nella rosetta basale, sono di colore verde scuro lucente, portate da un lungo picciolo di circa 5 cm. Hanno foma ovale-tondeggiante, profondamente incise alla base, con margine contornato da piccole dentellature.

I fiori sono profumati, portati da lungo peduncolo, provvisto a metà di due piccolissime brattee. Sono presenti 5 sepali ovali con corolla formata da 5 petali di colore violetto intenso con base biancastra, gradevolmente profumata, con petali laterali ripiegati verso il basso, ravvicinati a quello inferiore, leggermente più ampio. Il petalo inferiore si prolunga posteriormente  in un piccolo sperone violaceo. 

 Il frutto è una capsula subsferica che si apre in tre sezioni, contenenti semini rotondi brunastri   

Le foglie della viola si possono utilizzare in decotti, dalle proprietà lassative. Con i fiori invece, si possono preparare ottimi e colorati canditi. Questi, vengono fatti essiccare all'ombra, quindi immersi nello zucchero fuso caramellato e successivamente posti ad asciugare nel forno tiepido.

 

Il nome della Viola, deriva dalla parola latina "Viere", che significa "annodare, intrecciare" e si riferisce alla flessuosità della pianta.

                    



  cdg-f-viola-mammola 002
  cdg f viola mammola 003
   
   
   
   

Viola  mammola -- Viola odorata