• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-veronica-prostrata   Nome scientifico: VERONICA PROSTRATA
  Nome comune: VERONICA PROSTRATA
  Famiglia: Plantaginaceae
  Fioritura: Marzo-Maggio
  Habitat: pendii e prati erbosi soleggiati, suoli poveri preferibilmente calcarei. Dalla pianura fino a 1500m. Non è presente in Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna.


Descrizione

Graziosa pianta erbacea perenne alta fino a 20 cm, che forma cuscini più o meno densi di sottili rami prostrati, che diventano ascendenti durante la fioritura.

Le foglie sono piccole oblunghe, di color verde salvia,  leggermente pubescenti nella parte superiore, lunghe fino a 3. Il margine può essere crenato o seghettato, spesso con bordi revoluti; le terminali sono più piccole, lanceolate lineari.

L’infiorescenza è costituita da racemi lassi, singoli o opposti a due a due, che si allungano a forma di piramide col procedere della fioritura, portanti fino a una trentina di fiori. Il calice che appare glabro, sorregge la corolla a 5 petali celesti o azzurro pallido, con strie blu; più raramente rosati o bianchi. Il petalo superiore è più grande dei laterali, mentre quello inferiore è più stretto.

Il frutto è una capsula cuoriforme più larga che lunga, con calice persistente che contiene 20/30 semini giallastri compressi e leggermente pelosi.

La piantaggine prostrata, anche se poco appariscente è una pianta graziosa apprezzata nei suoi cultivar per abbellire aiole, muretti e giardini rocciosi.

Ebbe popolarità tra il XVII° e il  XVIII° secolo, in quanto venivano usate le sommità fiorite per le apprezzate proprietà diuretiche, astringenti e depurative, tanto che veniva chiamata ‘Te d’Europa’.

L’etimologia del suo nome è piuttosto controversa e si racconta i n diverse versioni.  Per alcuni potrebbe derivare dal latino ‘veronica’ già adattato dalla parola greca ‘Berenike’= apportatrice di vittoria, termine già usato da Linneo in riferimento alla Veronica che asciugò il viso di Cristo sul Calvario. Secondo un’altra versione potrebbe provenire da due appellativi latini ‘verus=vero e unicus=unico’ riferito alle sue proprietà medicamentose. L’epiteto invece deriva dal verbo latino ‘prosternere’= sdraiarsi e allude al suo portamento strisciante.

  cdg-f-veronica-prostrata 002
  cdg-f-veronica-prostrata 003
  cdg-f-veronica-prostrata 004
  cdg-f-veronica-prostrata 005
   
   

Veronica prostrata -- Veronica prostrata