• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg r alisso montano 001   Nome scientifico: ERYSIMUM CHEIRI
  Nome comune: VIOLACIOCCA GIALLA
  Famiglia: Brassicaceae
  Fioritura: Marzo-Maggio
  Habitat: Dirupi di rocce prevalentemente calcaree, ruderi di vecchi muri fino a 1200m. Non è presente in Val d'Aosta.


Descrizione

cdg-r-violacciocca-gialla dis

Pianta perenne con fusti legnosi alla base, talvolta leggermente pelosi e appressati, alta fino a 50 cm, munita di radici a fittone.

Le sue foglie sono ravvicinate tra loro, spesso riunite in fascetti ascellari. Hanno forma lanceolata, con apice appuntito. Le superiori lungo il fusto sono notevolmente più piccole, senza peduncolo.

L'infiorescenza è costituita da un racemo semplice che porta 7-15 fiori delicatamente profumati di vaniglia. Il fiore ha il calice formato da 4 sepali spatolati, di colore violaceo, con corolla di 4 petali lunghi circa 1-2 cm, anch'essi spatolati di colore giallo intenso fino a rosso mattone.

Il frutto è un baccello appiattito lungo fino a 5-6 cm, che porta piccoli semi compressi.

Questa pianta, originaria del Bacino del Mar Egeo, già introdotta in epoca medievale, è considerata "esotica-naturalizzata" ed ha dato origine alle diverse varietà coltivate e apprezzate nel giardinaggio per il loro profumo e per le molteplici sfumature di colore.

E' una pianta officinale tossica, usata in omeopatia, dopo che alla fine del XX° sec., sono stati scoperti e utilizzati i suoi preziosi "glucosidi" per la preparazione, esclusivamente farmaceutica, di cardiotonici. In passato invece, largamente usata da Greci e Arabi, serviva a preparare decotti per procurare aborti.

Giià chiamata da Linneo "Cheirantus Cheiri", che significava: fiore da tenere in mano. Ma in epoche più recenti, i botanici l'hanno rinominata "Erysimum", riferendosi probabilmente alla parola greca "Euromai" che significa "guarire", per le virtù terapeutiche che le venivano attribuite.

Fotografata nelle vicinanze del castello di Fosini

  cdg-r-violacciocca-gialla 002
  cdg-r-violacciocca-gialla 003
   
   
   
   

Violaciocca gialla -- Erysimum cheiri