• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg-f-verbasco-sinuoso   Nome scientifico: VERBASCUM SINUATUM
  Nome comune: VERBASCO SINUOSO
  Famiglia: Scrophulariaceae
  Fioritura: Maggio-Agosto
  Habitat: Comune nei prati, aree incolte, bordi di strade e sentieri, ambienti aridi. Fino a 900 metri.


Descrizione

cdg-f-verbasco-sinuoso dis

E' una pianta biennale, piuttosto robusta e ramificata, che supera anche il metro di altezza,  ricoperta da una peluria grigiastra.

Le foglie basali sono oblunghe con evidenti nervature centrali, di color verde grigiastro dovuto alla peluria che le ricopre. Hanno forma spatolata, margini vistosamente ondulati, talvolta dentellati, con vistosa nervatura centrale, grandi anche oltre 30 centimetri. Quelle presenti lungo gli steli sono alterne, di dimensione ridotta, semiabbraccianti al fusto.

I fusti color verde brunastro, sono eretti e consistenti con numerosi rami arcuati che formano grandi infiorescenze piramidali.

I fiori sono portati su breve peduncolo, in numero di 5-7. Hanno il calice ricoperto da una fitta peluria. La corolla rotata ha lobi di colore giallo chiaro e base rossastra, con vistosi stami e  antere ricoperti da peluria violacea.

I frutti sono capsule di forma ellittica a 2 sezioni, ricoperte di peluria, che si aprono a maturità lasciando cadere numerosi semini scuri conici.

La medicina popolare del passato usava le foglie di questa pianta come antinfiammatorio per la pelle e per le mucose.

I fiori invece sono usati tutt'oggi per la preparazione di lozioni e di shampoo per i capelli.

Sembra che il nome della pianta derivi dal latino "Barbascum" (con barba) per la diffusa peluria che la ricopre. L'appellativo "Sinuatum" fa invece riferimento alla forma ondulata delle sue foglie.

                    



  cdg f verbasco sinuoso 002
  cdg-f-verbasco-sinuoso 003
  cdg-f-verbasco-sinuoso 004
   
   
   

Verbasco sinuoso -- Verbascum sinuatum