• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
cdg f verbasco tasso barbasso 001   Nome scientifico: VERBASCUM THAPSUS
  Nome comune: VERBASCO TASSO BARBASSO
  Famiglia: Scrophulariaceae
  Fioritura: Giugno-Agosto
  Habitat: Si trova nei terreni incolti, nei prati al bordo di campi e di viottoli. In ambienti piuttosto sassosi e soleggiati.


Descrizione

cdg-f-verbasco-tasso-barbasso dis

Pianta erbacea annuale o biennale, molto vistosa alta da 80 a 200 cm, con fusto eretto, legnoso, di color verde biancastro-lanuginoso.

La sua radice di forma cilindrica affusolata, nel primo anno di vita produce un rosone di foglie basali molto grandi e lanose, oblunghe ovoidali.

Nell'anno successivo, dalla rosetta cresce un unico pollone coperto di foglie, elevato e dritto, che formerà la lunga e grossa spiga dove si raccoglieranno i fiori. Questi hanno un calice lanceolato diviso in 5 lobi e una grande corolla gialla (2-4 cm), con parte inferiore tubolare e la superiore divisa in 5 spicchi lobi arrotondati, da cui sporgono filamenti aranciati.

La fioritura di ogni fiore dura un solo giorno, sostituito da altri elementi che sbocceranno nei giorni successivi.

I frutti sono capsule brunastre  sferiche, contenenti numerosissimi semi tossici di colore nero, rugosi.

Il Verbasco è una pianta dalle innumerevoli proprietà curative: rinfrescanti, decongestionanti, diuretiche, analgesiche e sedative.

Nella moderna omeopatia e fitoterapia vengono usati fiori e foglie per la preparazione del "tè di Verbasco", efficace contro tosse, pertosse, asma e bronchite. Il suo olio invece, può alleviare dolori articolari e reumatici. Le foglie, ridotte in cataplasma utilizzate su piaghe, ferite, scottature e foruncoli.

Una volta venivano addirittura arrotolate e fumate, a mo' di sigaro per curare l'asma e la tubercolosi e fin dall'antichità erano  usate come stoppini per le lucerne e le lampade ad olio, mentre i fusti erano bruciati per riscaldare i forni del pane.

La parola "Verbasco" proviene dal latino "Virb" che significa "verga" e questo nome venne già utilizzato da Plinio, insieme alla parola "Barbascum" (barbato) con riferimento alla diffusa pelosità che ricopre la pianta. Il nome specifico invece, deriva da "Thapsos" che è una penisola e un sito archeologico della Sicilia Orientale, dove anticamente la pianta si presume che avesse un grande sviluppo.

                    



  cdg f verbasco tasso barbasso 002
  cdg f verbasco tasso barbasso 003
  cdg f verbasco tasso barbasso 004
  cdg f verbasco tasso barbasso 005
   
   

Verbasco tasso barbasso -- Verbascum thapsus