• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone

I TESORI DEL CECINA 

cornata neve Si pensa che il fiume Cecina abbia preso il proprio nome dall'antica famiglia etrusca dei "Ceicna" di Volterra (in latino Caecina), menzionata già nel I° secolo a.C., che costruì i primi nuclei abitativi nella vallata.

Questo straordinario corso d'acqua che nasce a circa 1000 mt di quota dalle Cornate di Gerfalco, ha carattere torrentizio con portate d'acqua di estrema variabilità stagionale. Nel suo percorso di 78 Km tocca ben 4 province toscane: nasce in quella di Grosseto, sfiora quella di Siena, scorre in quella di Pisa e sfocia in mare in quella di Livorno.

torraccia mfanciulle 015La sua morfologia è molto diversificata e presenta caratteristici tratti incassati tra aspre rocce ofiolitiche, per poi aprirsi in grandi alvei circondati da dolci colline, con una vegetazione ripariale ricca di pioppi, olmi, frassini, aceri, carpini, ontani e salici.
L'elevata qualità delle acque e l'unicità del paesaggio contribuiscono a descrivere un ambiente di rara bellezza per l'intero corso del fiume, ma soprattutto tra il Masso delle Fanciulle, il Masso degli Specchi e la confluenza col torrente Pavo

torraccia mfanciulle 017torraccia mfanciulle 019In prossimità del Masso degli Specchi esiste ancora una "briglia" di epoca medievale, costruita in muratura e supportata da travi di legno, che serviva un tempo a convogliare le acque tramite un 'gorile' fino al Mulino di Berignone. Tutto ciò apporta valore al pregio ambientale della zona, dove l'importanza storico-architettonica si incontra e si mescola con la superba natura.

torraccia mfanciulle 023torraccia mfanciulle 011Poco distante, nella stretta vallata che racchiude acque fresche e cristalline, si trovano due speroni rocciosi chiamati "Masso degli Specchi" che formano un' incantevole conca turchese, meta e ritrovo in ogni stagione di tante persone che apprezzano le bellezze del nostro Cecina. Vicino, il "Masso delle Fanciulle", un' altra spettacolare roccia serpentina levigata, circondata da piccole e poetiche spiaggette sassose. A questo è legata una triste leggenda medievale che da allora gli ha conferito il nome. Si racconta infatti della disavventura di 2 giovani ragazze, che per sfuggire alle angherie di un "signorotto" del posto che le stava inseguendo, sembra avessero preferito gettarsi insieme giù dal masso, annegando nel fiume.

 

 

torraccia mfanciulle 024

Infine, la storia ci riferisce che verso la metà del 1700 lungo il fiume nei pressi del Mulino di Berignone, sembra venissero  trovati dei luccicanti e preziosi minerali.  In realtà si trattava  di frammenti di Marcasite e Argento, ma la gente cominciò a riversarsi nei dintorni per la ricerca, chiamando quel posto "la cava dell'oro"......un altro piccolo tesoro che ci ha regalato "la nostra Cecina".
torraccia mfanciulle 021torraccia mfanciulle 022