• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone

IL PICCOLO BORGO DI MIEMO

montecatini miemo 010

Miemo è un grazioso e curatissimo borgo di origine medievale situato sulle pendici di Poggio di Mela a 416 metri di altezza, in mezzo alle colline che dividono la Valle del Cecina da quella dell’Era.

Forse le sue origini lontane potrebbero risalire ad epoca etrusca, ma sicuramente lo troviamo citato per la prima volta, in documenti del 1186, quando il vescovo volterrano Aldobrandino Pannocchieschi, ne ottenne la proprietà da Arrigo VI°.

La storia travagliata del piccolo castello di Castrum Miemi, è sicuramente legata alla sua posizione strategica, da dove era facile avere il controllo sulla via che collegava la Valdicecina e la Valdera, fino al Litorale Tirrenico. Dovette subire per questo varie dispute tra Pisa, Volterra e Firenze che se lo contendevano, provocando accese contese, continui abbandoni e distruzioni, fin quando nel 1700 fu riedificato dal Granduca Leopoldo I° di Toscana.

Uno degli edifici di spicco che compongono il borgo è la chiesa dedicata a Sant’Andrea Apostolo, col suo piccolo campanile a contrafforti e il colonnato a trifore in pietra locale. Di lato si trova la bella villa-castello, edificata e ristrutturata interamente con mattoni rossi. Di fronte alla chiesa si trova un antico fontanile coperto, con due vasche di acqua sorgente. Anche gli altri edifici e la grande fattoria appaiono accuratamente ristrutturati.

 

montecatini miemo 026Nei pressi del borgo, si trovano 2 sorgenti termali ormai dismesse da tempo, che venivano denominate “Acqua delle Caldanelle” e “Acqua dei Bagni di Miemo”. La zona intorno è nota anche per i suoi minerali, tra cui un tipo di Dolomite di colore verde chiamata “Miemite”, tanto che nel 1830 il geografo e naturalista Emanuele Repetti nella sua opera “Dizionario Geografico Fisico e storico della Toscana”, volle descriverla così:

<<<…..I Poggi Serpentinosi dei contorni di Miemo sono sparsi di piante di Castagno e cupe Foreste di Faggio vestite di Licheni Plicati. Noto ai cultori della Storia Naturale, per il Minerale che qua specialmente si trova, cui Thomson diede il nome che tutti i Naturalisti hanno adottato di Miemite o Miemmite. E’ questa una Calcarea Magnesifera Lamellare che si trova in filoni subalterni alle Masse Ofiolitiche fiancheggiate da un lato dalla Calcarea Compatta o dal Macigno…..>>>

montecatini miemo 016montecatini miemo 018montecatini miemo 017