• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone

La Via dei Cavalleggeri

 

cavalliereQuesto lungo antico tracciato di quasi 200 km, che univa Livorno al punto estremo del Golfo di Piombino, nacque come sistema di difesa e pattugliamento costiero, nel corso del XVI° secolo per volere del Granduca di Toscana Cosimo I° de’ Medici.

Con lo scopo di contrastare le ripetute scorrerie piratesche dei Turchi e dei Barbareschi ai danni delle popolazioni costiere e far fronte alle conseguenti devastazioni, razzie di beni, morti  e prigionieri da ridurre in schiavitù, venne applicata sul territorio una vera e propria strategia militare. 

baratti 025 Fu organizzata una rete di difesa, riadattando o realizzando di nuovo circa 60 edifici tra torri alte 10-15 m, forti,  fortini e postazioni armate, dislocate lungo una via militare tracciata esclusivamente vicino al litorale.

Fu istituito il corpo militare speciale armato dei “Cavalleggeri”, addetti alla vigilanza costiera, non solo per frenare gli attacchi dei corsari e dei pirati, ma anche per reprimere il contrabbando o evitare sbarchi di merci non autorizzate. Si voleva in questo modo,  anche impedire l’espatrio di sudditi del Granducato e evitare l’immigrazione di persone indesiderate o di clandestini, impedendo l’avvicinarsi alla costa a chi poteva infettare  la ricorrente e tanto temuta peste. I militari si sarebbero occupati anche  della riscossione delle tasse, dei dazi e delle gabelle di chi transitava nel territorio, per la vendita delle merci o per la transumanza delle pocore.

L'intervento dell'uomo e lo scorrere del tempo hanno purtroppo cancellato in gran parte l'antico tracciato della Via dei Cavalleggeri, ma ancora oggi questo percorso, che in alcuni tratti forse ricalca strade ancor più antiche di origine romana, unisce idealmente tutta la nostra Costa, con i resti delle sue fortezze, del suo tracciato, delle sue torri strappate al tempo e all’incuria che costituiscono un patrimonio di immenso valore storico.

  

EREMO DI SANTA CROCE

A pochi km da Monterotondo M.mo in località Filetto, un viottolo che si snoda tra la fitta vegetazione di querce e lecci, ci porta alla sommità del Poggio di Santa Croce a 732 m, dove si erge una piccola chiesetta. La sua struttura in stile tardo-romanico, risale al secolo XIII° (1250 circa), fatta eccezione per l’archivolto in pietra formato da dentelli a raggiera che sovrasta l’ingresso, che risale ad un’epoca successiva. La chiesa, piccola ma graziosa, a pianta rettangolare, è realizzata con conci squadrati di pietra calcarea locale, disposti a filari. L’interno è caratterizzato dalla singolare volta a botte, inconsueta per gli edifici del nostro territorio. Sulla parete orientale, dove è collocato l’altare è posto un Cristo ligneo di pregevole fattura, racchiuso in una teca di legno lavorato. Adiacente al lato destro esterno della chiesa, alcuni ruderi pietrosi, testimoniano il luogo dove sorgeva il romitorio, secondo le rigide regole dei monaci medievali. Sulla parete invece, vicino a una stretta monofora che illumina l’interno dell’eremo, è riconoscibile la sagoma di un angusta apertura chiamata “la porta del morto” che serviva per il passaggio delle bare e veniva aperta e successivamente rimurata solo in tale occasione.

La chiesetta venne costruita dai monaci eremiti agostiniani sulla sommità dell’altura di Santa Croce, che allora, forse perché già luogo di preghiera, era chiamata Monte Beni. Ritenuta una delle sedi più importanti dell’ordine agostiniano della Maremma, durante le guerre tra Massa, Volterra e Siena subì diverse distruzioni, costringendo i frati a spostarsi a Gerfalco per costruire una nuova chiesa più sicura.Il vecchio eremo e i terreni circostanti furono alienati in cambio della costruzione del nuovo edificio religioso, dal Comune di Massa, interessato al rilievo di Monte Beni come punto strategico di difesa e di avvistamento.

Alla fine del 1700, quando una legge del Granduca Pietro Leopoldo soppresse i romitori, la chiesetta di Santa Croce diventò proprietà privata, pur rimanendo per gli abitanti di Monterotondo e di Gerfalco, luogo di preghiera, di ritrovo,  di celebrazioni di feste con processioni che raggiungevano la meta di un vecchio crocefisso posto nel bosco  poco più avanti della piccola chiesa.