• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone
approf

Storia e Leggende

Seguici su facebook

fio fiu

I fiori del fiume

lupo-titolo

Leggi l'articolo


 

LE BACCHE E ALTRI FRUTTI DEL BOSCO

Durante le nostre escursioni autunnali abbiamo notato la grande quantità di frutti presenti in autunno. Abbiamo così deciso di fotografarli e preparare delle semplici schede descrittive.

Clicca QUI 

cdg b biancospino 002

IL BORGO DI SASSO PISANO

image3gerfalco sasso 021Il piccolo borgo si erge su un’alta rupe calcarea che strapiomba a sud verso la vallata del Cornia. La struttura urbanistica, nonostante i recenti riadattamenti, mantiene ancora oggi l’aspetto di una rocca medievale e il castello, nucleo più antico e più elevato del paese (560 m), si affaccia attorno a una piazzetta centrale lastricata, di forma triangolare. 

gerfalco sasso 022

Le mura perimetrali del borgo hanno un aspetto possente, con basamenti scarpati e un largo arco “a trabocchetto” che porta all’interno del paese, tanto esteso da sembrare una galleria. Quasi di fronte vi è la chiesa dedicata a San Bartolomeo, che mantiene al suo interno la pavimentazione in cotto originale. Sul lato sinistro resta visibile l’antica chiesetta castellana di stile romanico con all’interno un prestigioso dipinto del XV° secolo di artista ignoto e un antichissimo fonte battesimale proveniente dalla vecchia Pieve di Commessano, i cui ruderi si trovano non lontano dal paese. Anche i travi del sottotetto sono in legno di castagno originali.

 

Il Castello del Sasso in origine era dominato dal potere vescovile, ma verso il 1210, giurando fedeltà a Volterra si sottomise al Comune. Ai piedi della grande rupe , che ha dato il nome al borgo (Sasso), si apre una  cavità che viene chiamata “Buca di San Rocco”, che secondo la leggenda avrebbe dato rifugio al santo nel 1315, durante un’epidemia di peste.

gerfalco sasso 018gerfalco sasso 019gerfalco sasso 020