• Rocca Sillana

  • Riserva naturale di Monterufoli

  • Riserva naturale di Monterufoli

    Farneta
  • Riserva naturale di Berignone

  • Panorama dalle Balze

    Volterra
  • Querceto

  • Rocca Sillana

  • Castello dei Vescovi

    Riserva naturale di Berignone
  • Camomilla

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Daini

    Riserva naturale di Berignone
  • Fiume Cecina

    Riserva naturale di Berignone
  • Orchidee
  • Riserva naturale di Caselli

  • Le Cornate

  • San Michele

  • Torrente Sterza

    Riserva naturale di Caselli
  • Fiume Cecina

    Riserva Naturale di Berignone

 

Pozzo Venelle 2

Progetto DESCRAMBLE

 

2021 02 11 percorso lago boracifero027Nella postazione adibita alla perforazione geotermica, che abbiamo fiancheggiato durante il nostro cammino, nell’anno 2017 è stato perforato il pozzo Venelle 2R1. La particolarità di questo pozzo è quella di appartenere al progetto DESCRAMBLE acronimo di Drilling in dEp Super Critical  AMBient of continental LEurope, finanziato dalla UE con partner primario ENEL GREEN POWER , ed altre società Tedesche e Norvegesi. La scelta di realizzare la perforazione in questo sito e stata legata principalmente ai seguenti fattori:

  • La posizione all’ interno di un area del territorio Geotermico dove da pozzi perforati, in particolare S.Pompeo 2  risalente al 1981, si erano riscontrati eventi e rilevato dati particolari. Infatti quanto scaturito faceva presupporre che, raggiungendo una profondità della rosta continentale compresa tra i 3000-3500 mt. di profondità si potessero raggiungere fluidi definiti Supercritici per le loro caratteristiche fisiche e chimiche, con temperature nella zona di contatto ≥ 450°C ed associati valori di pressione molto elevati. Questa zona viene denominata dai Geologi Marker (Orizzonte)K, il cui raggiungimento è lo scopo finale , ai fini di ricerca non di sfruttamento, di questa perforazione.

Mass 6000EL’ attività , che prende il via con un impianto Mass 6000 e personale di ENEL GREEN POWER, utilizzando tecnologie all’ avanguardia a livello mondiale, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza per il personale e l’ambiente. La perforazione ha  inizio nel mese di Aprile e per   ottimizzare e risparmiare , sfrutta in parte il pozzo già esistente, partendo in una nuova direzione dalla profondità di 1054 mt e termina dopo aver raggiunto i 2909 mt. Gli obbiettivi prefissati  sono stati parzialmente raggiunti, in particolare dai risultati dei rilievi termometrici effettuati dai quali già alla profondità di 2500mt. è stata rilevata una temperatura di 342°C , ed una temperatura della roccia di circa 386°C. Particolarmente significativo il risultato della Termometria effettuata in prossimità del fondo pozzo 2909mt. Qui è stato utilizzato uno strumento molto sofisticato di una società Norvegese SINTEF , partner del progetto, con il quale è stata rilevata una temperatura prossima ai 500°C!

_______________________